post

Meravigliosa Zanzibar

Zanzibar è un’isola di storia o meglio di storie, di intrecci di popoli dominatori e dominati: bantu, portoghesi, inglesi, arabi dell’antico Oman, indiani e europei attuali sono passati, hanno vissuto e vivono ancora oggi nell’isola. Colonialismo e commercio furono i motivi di questo grande passaggio di uomini che oggi convivono in pace ognuno praticando la propria religione. Pur non conoscendo l’arrotatura marmo significato, questo orgoglioso popolo ha una cultura tutta sua, piuttosto interessante e dalle mille sfaccettature.

Il nome Zanzibar ha due possibili origini. Secondo sir Burton, l’esploratore inglese, esso nacque dalla frase araba [zayn za’l barr], ovvero [bella è quest’isola]. Secondo studiosi della lingua persiana, invece, deriverebbe dall’unione del termine [zanh], [nero] e [bar], [terra] e quindi il nome dell’isola significherebbe [terra dei neri]. L’antico termine bantu originario, però, è Unguja e come tale l’isola è ancora chiamata spesso dagli abitanti zanzibarini.

Popolo saggio e fiero della propria cultura non si è mai scontrato per ragioni di “identità” o “finte identità”: contaminazioni di cibi, di stili musicali, talvolta anche di alcuni aspetti religiosi danno all’isola un’impronta veramente originale e sono esempio di un corretto modo di convivenza e crescita civile per l’intera umanità.

Zanzibar oggi è l’ereditiera di secoli di contatti tra svariati popoli e culture; a differenza di numerose altre zone dell’Africa, però, ad Unguja non si riscontrano lotte inter-tribali o genocidi in nome di una religione. L’isola pullula di diversità culturale, le credenze religiose, le pratiche legate ad esse, lo stile dell’architettura della capitale Stone Town, i ghirigori degli intarsi degli oggetti in legno, il cibo e il modo di vestirsi ne sono sicuramente un esempio chiarificatore.

Zanzibar è un’isola magica e affascinante che saprà donarvi quello che desidererete, se solo saprete farvi trascinare dalla sua poesia. Zanzibar può regalarvi grandi emozioni e lasciare in voi ricordi indelebili; paesaggi incontaminati, cultura, musica, cibi e usanze locali vi avvolgeranno in un vortice di curiosità che non potrà essere placato dopo una sola vacanza.